No allo smembramento del Corpo Forestale dello Stato


“Grazie alla capacità investigativa, alle competenze e al radicamento sul territorio del Corpo Forestale dello Stato negli ultimi anni, molti passi avanti sono stati fatti nella lotta alle ecomafie ma non solo. Il più diffuso corpo di polizia specializzato nella tutela dell’ambiente e del paesaggio ha un ruolo fondamentale nel contrastare tutte le forme di illegalità e minaccia del territorio:  dagli incendi boschivi al dissesto idrogeologico, dall’abusivismo edilizio in aree interne allo smaltimento illegale di rifiuti, dai reati contro gli ecosistemi naturali e le specie protette fino agli illeciti in campo agroalimentare”.

Questa la dichiarazione del presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, che questa mattina a Roma ha partecipato al sit-in delle associazioni contro il progetto di mero accorpamento delle forze di polizia.

“Appare poi francamente contraddittorio – ha concluso Cogliati Dezza - che nel momento in cui il Parlamento si accinge finalmente ad approvare il Ddl che introduce i delitti ambientali nel codice penale, il Governo decida di smantellare uno dei principali strumenti di contrasto degli ecoreati”.

 

Roma, 31 marzo 2015                                                                                     Comunicato stampa

L’ufficio stampa: 06.86268376 - 99

Pubblicato il01 aprile 2015