Strage in Turchia. "Non si uccide per la pace!" Legambiente al fianco dei democratici e pacifisti colpiti dalla violenza


Quanto accaduto e sta accadendo in Turchia ci angoscia e ci interroga come persone e come cittadini europei. Ci angoscia per le decine e decine di vittime e di feriti che erano scesi in piazza per chiedere democrazia e partecipazione ed invece hanno trovato il terrore e la morte. Ci interroga perchè alle porte dell'Europa, in un paese che vorrebbe entrare a farne parte, la violenza repressiva e generalizzata entra di nuovo nello scontro politico ad un mese dalle elezioni. Che la democrazia in Turchia sia ancora un traguardo da raggiungere è cosa nota ed è probabilmente uno degli scogli maggiori per un suo ingresso nella comunità europea. Noi italiani ricordiamo bene quando la violenza era pane quotidiano nel nostro Paese e lo scontro tra governo e piazza era costellato di stragi, attentati, uccisioni. Per questo sappiamo quanto sia importante non lasciare solo il popolo turco, quanto sia importante far sentire la pressione e l'attenzione della comunità internazionale: non c'è mercato che tenga, l'Europa deve dire con chiarezza al Governo Erdogan che la democrazia e le libertà politiche sono la soglia minima di ingresso nella comunità europea. Basta violenza! Legambiente aderisce alle manifestazioni che in questi giorni si stanno svolgendo in tutta Italia per chidere democrazia e libertà per il popolo turco. Aderiamo perchè siamo convinti dell'importanza di costruire insieme una nuova storia di pace, fatta di libertà, diritti, accoglienza, giustizia e democrazia. Aderiamo con la nostra identità e sensibilità di pacifisti e guardando con speranza all'Europa affinchè sappia svolgere il proprio il ruolo di "garante della pace" con convinzione, laddove ancora aspettiamo che si faccia "garante di vita" accogliendo i profughi che giungono sulle nostre sponde fuggendo dalle guerre e dalla fame.
 

Scendiamo in piazza in tutta Italia a sostegno della pace, contro le stragi di stato ed il terrorismo di Erdogan
 

Primi appuntamenti:  

  • Domenica 11 Ottobre BOLOGNA ore 15 – Piazza Maggiore
  • Lunedi  12 Ottobre ROMA ore 17 Piazza delle Repubblica
  • Martedì 13 Ottobre TORINO ore 17:30 – Stazione  Porta Nuova
  • Martedì 13 Ottobre PISA ore 17:30 – Piazza del Comune  
  • Martedì 13 Ottobre MILANO  ore 19 dal Piazza XXIV Maggio presidio verso Piazza Duomo


 

Pubblicato il14 ottobre 2015