Bioeconomia: un futuro per Firenze e per la Toscana


La Bioeconomia è la strada indicata dall’Unione Europea per una crescita “intelligente e verde” dei Paesi europei, in grado di attenuare i cambiamenti del clima e la dipendenza dal petrolio e di offrire nuovi posti di lavoro qualificati. La Bioeconomia si basa sull’uso efficiente delle risorse naturali dei territori in modo da conciliare produzione di manufatti, sicurezza alimentare, protezione dell’ambiente. L’Italia e la Toscana vantano già esperienze esemplari in questo campo che possono promuovere Firenze, col suo patrimonio di cultura e capacità progettuali, a “capitale dell’ecodesign”.

 

Bioeconomia: un futuro per Firenze e per la Toscana

Venerdì 17 maggio - h 9,30 -13,30

Firenze, Fortezza da Basso, sala Palazzina Lorenese

Nell'ambito della manifestazione Terra Futura 2013

 

 

L’evento a Terra Futura: una serie di brevi incontri con riprese in diretta streaming sul canale di Chimica Verde (link www.ustream.tv/channel/chimica-verde). Presso la Palazzina Lorenese, sala 1, all’interno della Fortezza da Basso saranno, inoltre, presentati esemplari di manufatti e alcuni documenti sul tema della Bioeconomia: il documento sulla sostenibilità dei biomateriali della Chimica Verde (2012), il libro Bioplastics: a case study of bioeconomy in Italy” a cura di Kyoto Club, lo studio Bocconi-Novamont sul mercato dei biopolimeri in Italia.

Temi e interventi previsti:

  • h 9,30-10,45: BIOSHOPPER – IL MODELLO ITALIA”

partecipano: Francesco Ferrante, vicepresidente Kyoto Club - Francesco Bertolini, presidente Green Management Institute - Graziano Chini, direttore IPT Coop Scarperia (FI). Modera: Beppe Croce, direttore Chimica Verde

  • h 10,45-12,00: BIO-MATERIALI SOSTENIBILI A SERVIZIO DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE”

partecipano: Ugo Guarducci, Gerist Ricevimenti - Mauro Apostolo, Eco-Inn - Matteo Tinelli, BMS Organic . Modera: Daniela Riganelli, consulente Novamont

  • h 12,00-13,00: FIRENZE CAPITALE ECODESIGN?”

ne discutono: Aldo Colonetti, direttore scientifico IED - Pietro Novelli, coordinatore progetto Filiera Toscana Legno - Caterina Biti, assessore all’Ambiente Comune Firenze. Modera: Esther Schembari, responsabile Ecodesign Chimica Verde

 

segue Rinfresco con prodotti biologici di aziende aderenti al Consorzio Toscana Biologica

 

Con il sostegno e la collaborazione di Novamont S.p.A.

 

Katia Rosanna Rossi – ufficio stampa Legambiente Toscana – 055.6810330 /347.3646589

Pubblicato il16 maggio 2013